Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
25 aprile 2013 4 25 /04 /aprile /2013 09:05

Irene Rui e Guido Zentile - Ai 42 partigiani del No Dal Molin, denunciati per giardinaggio (questo è uno dei capi di imputazione) all'interno del Parco della Pace, va tutta la nostra solidarietà. Molti del Circolo PRC, “Carlo Giuliani” di Vicenza, erano tra quei partigiani che sono entrati, alcuni sono stati denunciati e altri no. Il 24 – 25 aprile del 2010, anche noi eravamo tra quei partigiani, presidianti, No Dal Molin che sono entrati per fare giardinaggio. Il 24 abbiamo tagliato l'erba sotto il sole cocente, potato, abbeverato e trapiantato le piante, e preparato per la festa del 25, alla quale è stato aperto per la prima volta il parco ai cittadini. E' assurdo che proprio oggi nella giornata della “Liberazione dell'Italia” (anche se siamo ancora sotto occupazione americana, e la nostra città ne è l'icona), arrivi la notizia che 42 partigiani, resistenti, del No Dal Molin, sono stati avvisati del processo a loro carico, per un'azione che ha permesso di restituire un'area alla città. Se non ci fossimo stati noi del No Dal Molin, quei 640 mila mq. di verde cittadino, non sarebbero ora il Parco della Pace. Ricordiamo che all'epoca c'era chi voleva fare un eliporto e chi come oggi (vedi programma della Da Lago), l'area per la protezione civile che tra l'altro lavora in sinergia con gli americani. La città di Vicenza invece di stare a guardare al processo dei 42 attivisti, dovrebbe solidarizzare e chiederne l'annullamento. Quel giorno non ci sono stati per fortuna feriti (per quanto ventilati), c'è stato solo un militare che ha estratto una pistola e l'ha puntata (di cui ci sono i documenti: foto ed esposti) contro di noi gente civile, donne, bambini, uomini e anziani, che ci cingevamo ad entrare.

entrata Dal Molin

entrata Dal Molin

Condividi post
Repost0

commenti