Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
13 maggio 2012 7 13 /05 /maggio /2012 17:46

gioia romA proposito dell'articolo su “VicenzaPiù” numero 234, di Andrea Genito “Schio Nomade”. Comprendo la rabbia per il fatto che alcuni rom o sinti si intrufolino nelle abitazioni e agiscono da topi, ma arrivare a mettere in discussione le politiche di integrazione sociale - pur criticabili - del Comune di Schio, sulla questione “nomadi”, mi sembra eccessivo. A questo punto, vorrei rispondere alla domanda posta sull'articolo, precisando che gli autoctoni (penso si riferisca ai maggioritari, ai gagi) sono meno perseguiti dei sinti e rom, o delle minoranze. Un esempio sono le cronache sui furti, in cui l'accusa cade immediatamente (prima ancora di appurarne la veridicità) nei confronti dei rom, sinti, giostrai, albanesi o rumeni; quasi mai i rotocalchi della stampa, soprattutto cartacea (salvo qualche eccezione), sono neutri. E ancora se a commettere un illecito, o i furti, sono i cosiddetti “nomadi” o “zingari”, oltre alle conseguenze dovute per legge si ha l'allontanamento dal campo pubblico o dalla città, quando non ci sia una vera e propria caccia allo “zingaro”; se invece capita ad uno di noi, maggioritari, di commettere un illecito anche grave, intervengono solo le conseguenze per legge, ma non siamo sfrattati dalla casa popolare o allontanati dal nostro Comune.

Sarebbe utile evitare l'uso da parte di alcuni attivisti di destra, di definizioni utilizzate da Lombroso, o dalla Justin e da Ritter, ed altri, nel ventennio fascista e durante il nazismo. Frasi del tipo “I nomadi sono coloro che vogliono vivere sempre di espedienti”, “Gli zingari hanno nel loro DNA il vizio del rubare”, “Sono coloro che portano via i bambini, che sfruttano i bambini e non li mandano a scuola”. Definizioni che hanno tristi ricordi. Sfatiamo questi luoghi comuni poiché se uno della famiglia ruba, non è detto che tutto il clan famigliare ne sia coinvolto. E' facile sparare contro i più deboli, coloro che ci temono, e che non possono difendersi, poiché sono sempre in torto.

 

Irene Rui, responsabile provinciale politiche migratorie PRC-FdS - Federazione di Vicenza

Condividi post
Repost0

commenti